Il progetto

CONTROCOLTURA

orto biologico condiviso,

salvaguardia delle sementi in via di estinzione,

vivaio comunale a cassina de'pecchi

 

 

CHI SIAMO

 

Controcoltura è un gruppo libero di cittadini volontari di Cassina de’ Pecchi con la passione per la terra e la natura, che intende realizzare un progetto di welfare e coesione sociale tramite la coltivazione di un orto condiviso.

 

I valori fondanti del progetto sono la necessità di riscoperta del territorio in cui viviamo, la condivisione di saperi e risorse verso una crescita collettiva e identitaria, la tutela delle specie vegetali autoctone o in via di estinzione e la salvaguardia dell'ambiente e dell'ecosistema agricolo tramite metodi bio-dinamici, sinergici, di permacoltura.

 

L’ORTO

 

L’obiettivo dell’orto condiviso è la produzione di vegetali biologici in modo sostenibile, il recupero delle tradizioni locali e rurali, l'apprendimento delle tecniche di coltivazione rispettose degli equilibri naturali e il coinvolgimento della cittadinanza nella fruizione dei prodotti.

 

IL PROGETTO

 

I valori fondanti del progetto sono la necessità di riscoperta del territorio in cui viviamo, la condivisione di saperi e risorse verso una crescita collettiva e identitaria, la tutela delle specie vegetali autoctone o in via di estinzione e la salvaguardia dell' ambiente e dell' ecosistema agricolo tramite metodi biodinamici, sinergici, di permacultura.

Il progetto è inteso come un’azione locale diretta di valorizzazione del territorio per riconnettersi con la natura, rispettandone tempi e ciclicità verso una nuova qualità della vita fondata su un nuovo rapporto uomo-ambiente.

L’ intento è infatti quello di condividere le conoscenze e veicolare contenuti culturali e identitari attraverso la coltivazione della terra; vogliamo esercitare attività didattiche con la collaborazione di scuole, associazioni locali e non solo, famiglie, valorizzando il territorio in cui viviamo e organizzando momenti di incontro e aggregazione liberi e aperti

a tutti, al fine di suggerire un nuovo concetto di “stare insieme”.

Controcoltura intende inoltre riscoprire e salvaguardare sementi in via d’estinzione coltivandole e scambiandole con altri gruppi, creando un network di persone e associazioni sul territorio locale e nazionale

 

 

RISULTATI ATTESI

 

- Creazione di una realtà stabile e produttiva

- Crescita collettiva del gruppo

- Salvaguardia delle varietà in via di estinzione attraverso la coltivazione e lo scambio delle sementi

- Coinvolgimento della popolazione attraverso l’organizzazione di momenti aggregativi socio-culturali

- Condivisione dei saperi

- Creazione di una rete con realtà similari