COSA FACCIAMO

Controcoltura valorizza il territorio, l’ambiente e le buone pratiche quotidianamente nella coltivazione dell’orto condiviso, organizza momenti di incontro e aggregazione liberi e aperti a tutti, al fine di suggerire un nuovo concetto di “stare insieme”.


Promuove la scoperta del territorio circostante, incentiva la biodiversità, lavora per un nuovo rapporto tra cibo e persone, in cui l’autoproduzione, lo scambio di saperi e pratiche agricole, si configurano come veicolo di relazioni nuove tra persone, e il cibo si trasforma in un valore e non in un prodotto.

Controcoltura crea anche percorsi rivolti a bambini e persone in condizione di fragilità, quali progetti di ortoterapia o arteterapia per generare benessere. Sin dal primo anno collabora con comunità locali, amministrazioni, scuole, associazioni e gruppi informali di cittadini che si riconoscono in valori quali la condivisione, l’inclusione sociale, il rispetto per la natura e per ogni essere umano, senza discriminazione alcuna.

Vuoi condividere questo articolo?

Lascia un commento